Readings

“Puoi leggere, leggere, leggere, che è la cosa più bella che si possa fare in gioventù: e piano piano ti sentirai arricchire dentro, sentirai formarsi dentro di te quell’esperienza speciale che è la cultura”

(Pier Paolo Pasolini)

Aperitivo e incontro con gli autori
Brunella Caputo, Aldo Putignano e Serena Venditto
sui libri editi da Homo Scrivens:

  • Dai fiori del male ai fiori di zucca
  • Attesa, frammenti di pensiero

Readers: Brunella Caputo e Antonella Valitutti

Data: 10 agosto
Ore: 20
Location: Giardino De Philippis
Ingresso Gratuito

Dai fiori del male ai fiori di zucca.

Un volume, al quale hanno partecipato più di trenta autori, interamente dedicato al cibo.
Racconti, haiku, sonetti e numerosi altri esercizi di scrittura creativa
 per stimolare la lettura ma pure l’appetito. E appetitosa è stata la prima presentazione del testo della quale sono stati autentici mattatori Aldo Putignano e Giancarlo Marino, docenti dello storico laboratorio di Homo Scrivens La bottega della scrittura, che hanno curato l’antologia e hanno divertito il pubblico con una veste meno istituzionale e più divertente del solito, quella di chef letterari.

Il libro, dopo il successo ottenuto durante la trentunesima edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino, sbarca finalmente anche in libreria e lo fa con un obiettivo ambizioso: soddisfare il palato dei lettori più esigenti. Quelli che potranno spaziare tra annunci culinari e sonetti; canzoni popolari riadattate in funzione di un cocktail oppure scoprire come il cibo possa rivelarsi un’ottima fonte di ispirazione per gli haiku, i componimenti poetici nati in Giappone e divenuti cult anche in Italia. Così come un vero cult possono diventare le ricette letterarie che permettono un excursus tra autori e generi letterari. Ai postumi e al loro palato l’ardua sentenza.

Attesa. Frammenti di Pensiero

Godot ispira questo testo e la performance teatrale che l’accompagna. Per raccontare l’attesa che si forma in un frammento di pensiero, che nasce nella mente, cammina nel tempo, scopre una delle possibili verità, corre in un viaggio immaginario, e arriva in un luogo spesso non conosciuto. Quattro quadri per definire l’attesa: il tempo, la verità, il viaggio, l’arrivo. Trentadue voci di artisti e scrittori contemporanei più altre due a inizio e termine del percorso.

Brunella Caputo è nata a Salerno e vive tra l’Italia e il Brasile.
È regista, attrice teatrale, autrice di testi teatrali. Ha riadattato per il teatro i radiodrammi di Ellery Queen. Scrive articoli di teatro e racconti per quotidiani salernitani. È vicepresidente dell’associazione Porto delle Nebbie che cura la rassegna “le Notti di Barliario” e la sezione “Largo al Giallo” del festival Salerno Letteratura. E’ ideatrice del progetto video-fotografico “Scritti di Luce – Autori in immagini e parole”.  È  ideatrice  del progetto “Letture d’autore – la musicalità della lingua italiana” che promuove e insegna, attraverso l’utilizzo di testi teatrali e di narrativa, la lingua italiana in diverse città dello stato di San Paolo in Brasile. Il suo racconto 24 ore a Rio è presente nell’antologia Crimini sotto il sole pubblicata da Novecento Editore.

Aldo Putignano, nato a Napoli nel 1971, scrittore e docente di scrittura, è il coordinatore di Homo Scrivens (www.homoscrivens.it), la prima compagnia italiana di scrittura. Per Homo Scrivens ha curato i volumi Faximile, 49 riscritture di opere letterarie (Frilli 2004) e Racconti alla carbonara (Cento Autori 2007). Ha inoltre curato il volume Vedi Napoli e poi scrivi (Kairós 2005). Dirige la collana “Homo Scrivens” per l’editore Kairós ed è direttore artistico delle Edizioni Cento Autori. Ha scritto per il teatro e la televisione. Dottore di ricerca in Letteratura Italiana, collabora con la facoltà di Lettere dell’Università degli Studi di Napoli Federico II e con l’Istituto Suor Orsola Benincasa

Serena Venditto (Napoli 1980) lavora al Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Ha esordito nella letteratura con il romanzo comico Le intolleranze elementari (Homo Scrivens, 2012). Aria di neve (ripubblicato da Mondadori nel 2018) è il primo volume della serie dedicata al gatto detective Mycroft e ai 4+1 di via Atri 36, che, apparsa per la prima volta in libreria per i tipi di Homo Scrivens, ha già ricevuto numerosi riconoscimenti e segnalazioni (Premio Nabokov, Premio della critica Costadamalfi, Garfagnana in Giallo, Festival Giallo Garda).

Antonella Valitutti vive e lavora tra Roma e Salerno.
Nata a Salerno nel 1972, è attrice, doppiatrice, vocal coach,
organizzatrice e docente.
Ha cominciato, fin da piccola, a studiare canto e pianoforte
presso il Conservatorio G. Martucci di Salerno.
Finalista nella 23esima edizione dello Zecchino d’Oro a
Bologna, a soli 7 anni, ha poi intrapreso lo studio della
recitazione prima nella Scuola di Teatro Popolare Salernitano
e poi a Napoli con gli attori Franco Angrisano e Mario
Scarpetta. Si dedica allo studio dei classici latini e greci, della
pedagogia e dell’arte moderna e si laurea prima in Lettere
Classiche e successivamente in Scienze della Formazione.
Cultrice della Materia in Letteratura Cristiana Antica, si
specializza nello studio della Filologia Classica e della
Didattica del Greco.
Amante della tragedia greca, collabora come attrice e docente
con diverse istituzioni scolastiche per progetti di formazione
al Teatro Classico.
Frequenta numerosi stages e corsi di formazione con attori e
registi come Lorenzo Salveti, Armando Punzo, Michele
Monetta, Emma Dante.
Molti i ruoli ricoperti dall’attrice salernitana dal 1996 ad oggi
per diversi registi cinematografici e teatrali.
Nel 2009 fonda a Salerno, con Licia Amarante la compagnia
L.A.A.V. Officina Teatrale e si occupa di formazione, produzione
ed organizzazione nell’ambito teatrale e cinematografico.
In qualità di produttrice dei cortometraggi “Il quattro gigante”,
si aggiudica l’Audience Award di Giffoni Experience 2014 e in
seguito con “ZETA”, del giovane regista nonché suo figlio
Valerio Lorito, conquista il Premio Speciale della Giuria come
Migliore Regia.
In qualità di organizzatrice, si occupa dell’edizione Barbuti
Teatro festival – Notte dei Barbuti 2012, del settore teatro di
Dieci Lune Festival dell’Autore Napoli 2012, OUT of BOUNDS –
drammaturgie fuori confine- rassegna di Teatro Indipendente
per professionisti a Salerno I e II edizione, del Progetto DEA
aggregazione giovanile del Comune di Bellosguardo (dal 2011
al 2013), dei progetti PON scolastici (coach teatrale per
docenti e allievi) a Giffoni Valle Piana, Piaggine e Salerno.
Finalista MarteLive Campania Teatro 2014 per “Della stessa
sostanza della madre” monologo per voce femminile, nel 2013
l’attrice salernitana è testimonial della campagna AIL per le
reti Mediaset.
Lavora dal 2007 nel doppiaggio. Sua è la voce dell’attrice
Marie Rivière in “Le Refuge” di François Ozon e dell’attrice
Grey DeLisle nel cartoon “The Fairly OddParents / Due
FantaGenitori”.
Nel 2011 incontra il regista Alessandro Fabrizi e i docenti
Nuria Castano Gutierrez e Oliver Mannel con i quali ha
intrapreso lo studio del Linklater Method Voice.
Antonella Valitutti è rappresentata dall’agenzia Valerio
Ceccarelli Management Roma.
http://www.laavofficinateatrale.com/